NEOGEN

NEOGEN VERSO UN NUOVO PARADIGMA DI CURA

PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO DI NEOGEN

Il dispositivo NEOGEN è un ricetrasmettitore di campo elettromagnetico a banda ultra larga (UWB) di bassa intensità con caratteristiche tali da creare nell’organismo sottoposto alla sua azione una risonanza stocastica. Utilizzando un segnale a banda ultra larga con modulazione¹ di tipo noise (stocastico²), si ottiene un elevato sincronismo tra dispositivo e organismo, che permette di correggere le radiazioni naturali di quest’ultimo.
Il principio di funzionamento di Neogen si basa su una correzione endogena che influenza lo stato delle funzioni corporee utilizzando il feedback biologico, BFB. Questo è un moderno metodo di riabilitazione che mira ad attivare le riserve interne dell’organismo per armonizzare e migliorare le capacità fisiologiche.
La regolazione indotta dal biofeedback facilita il ripristino e il mantenimento dell’omeostasi a molti livelli, compreso l’equilibrio delle parti simpatiche e parasimpatiche del sistema nervoso vegetativo.
La correzione indotta dal biofeedback mantiene l’equilibrio tra gli emisferi cerebrali, il sistema nervoso e quello immunitario, influenzando così i processi fisici, emotivi, intellettuali e sociali, garantendo un utilizzo ottimale di tutte le capacità dell’individuo.
L’essenza del metodo di biofeedback implementato nel dispositivo Neogen consiste nel “ritrasmettere” all’utilizzatore i valori attuali dei suoi parametri fisiologici sotto forma di segnale a banda ultra larga stocastico modulato.
Tale metodo ha il vantaggio di essere aspecifico rispetto alla determinazione della natura del disequilibrio, cioè permette di lavorare non con le singole disarmonie, ma con i principali tipi di disfunzioni dei sistemi di regolazione dell’organismo: nervoso (centrale, periferico, vegetativo), immunitario e umorale.

 

1 N.d.T. La modulazione di un segnale è l’operazione con cui le frequenze basse in esso comprese vengono convertite in frequenze superiori. Il segnale modulato può essere poi filtrato per eliminare le componenti del rumore a bassa frequenza, ed infine demodulato, ossia riportato alla frequenza originaria.
2 N.d.T. sinonimo di casuale, detto di “situazioni che variano in base a leggi probabilistiche (e non deterministiche), come, per es., tutti i fenomeni naturali, in quanto in essi è presente, sia per la loro stessa natura, sia per gli errori di osservazione, una componente casuale o accidentale” (https://www.treccani.it/vocabolario/stocastico)

Slider Item
Slider Item

NEOGEN – MODALITA’ DI LAVORO

In NEOGEN sono presenti due modalità di funzionamento distinte:
1 – Modalità feedback elettromagnetico EM 

2 – Modalità feedback audio
In entrambe le modalità, il campo elettromagnetico emesso dal dispositivo viene utilizzato come segnale per correggere lo stato funzionale dell’utente.

BIOFEEDBACK ELETTROMAGNETICO EM

Nella prima modalità il parametro fisiologico misurato è il campo elettromagnetico emesso dal dispositivo e riflesso dall’organismo.
Nel biofeedback elettromagnetico, il segnale emesso dal dispositivo è a banda ultra larga e quando raggiunge la superficie dell’organismo subisce una dispersione sia nello spazio che a livello di frequenza. Le diverse componenti dello spettro penetrano a profondità diverse nei tessuti; alcune vengono assorbite e altre riflesse. I segnali riflessi dall’organismo hanno una modulazione complessa i cui parametri dipendono dai parametri in corso nell’organismo. Ad esempio, il segnale riflesso dall’organismo conterrà nei suoi parametri i ritmi dell’attività neuronale, i ritmi della respirazione, i ritmi della circolazione sanguigna nei vasi e nei tessuti, ecc. Poi questo segnale riflesso dall’organismo giunge nella sezione ricevente del dispositivo, dove viene demodulato, cioè ne vengono estratti i ritmi fisiologici, e utilizzato per rimodulare stocasticamente il segnale a banda larga riemesso dal dispositivo. In questo modo, il circuito di biofeedback viene chiuso. La funzione target (obbiettivo finale) del sistema “uomo-dispositivo” è l’intenzione dell’utente.

BIOFEEDBACK AUDIO
La voce, come uno specchio, riflette lo stato di salute e l’umore

Nella seconda modalità di biofeedback il parametro fisiologico misurato è la voce dell’utilizzatore.
Tutto nel corpo è interconnesso e la voce dipende dallo stato del sistema nervoso, che organizza il funzionamento di tutti gli organi in un unico processo olistico, che è un atto psicofisico molto complesso. Un’anomalia di questa coordinazione in qualsiasi sito del corpo si riflette sull’apparato vocale. Toni, volumi del suono, emozioni nascoste tra le pieghe vocali esprimono il reale stato psicofisico di chi li emette. L’apparato vocale è controllato del sistema nervoso centrale ed è influenzato dalle ghiandole endocrine.
I parametri (rapporto tra intensità, frequenze e fasi delle varie componenti dello spettro) del segnale vocale riflettono i ritmi di tutti i processi fisiologici che avvengono nell’organismo. Un segnale complesso come la voce attiva nel dispositivo Neogen l’emissione di un campo elettromagnetico che determina nel corpo ricevente una risonanza stocastica. In questo caso si modificano vari parametri dell’elettroencefalogramma del cervello e anche gli indicatori del sistema nervoso vegetativo (simpatico-parasimpatico). Questo a sua volta porta alla modifica dei parametri vocali. Infine, nella modalità di biofeedback questo segnale modula la banda ultra larga e così via, in un ciclo chiuso. Il sistema uomo-dispositivo che si crea inizia a lavorare in simbiosi. L’obiettivo finale (detto funzione target) di questa simbiosi è il raggiungimento di uno stato emotivo e fisiologico che riflette l’intenzione di ottenere qualcosa enunciata nel suono emesso.
Durante il trattamento in modalità audio le parole pronunciate ad alta voce diventano immensamente potenti e preziose. Si possono recitare preghiere, mantra, suoni o affermazioni positive e intenzioni per entrare in uno stato di quiete e di silenzio interiore.

Fig. 1

INTENZIONE E RUOLO DELL’ UTENTE
Per migliorare e potenziare l’effetto finale di Neogen non basta accenderlo e lasciare che operi da solo, ma è necessario assumersi la responsabilità che il risultato che si otterrà dipenderà dalla nostra volontà intenzionale.

La coscienza dell’utilizzatore, attraverso l’intenzione, agisce nel Campo quantico unificato di infinite possibilità. Neogen funge da generatore quando l’intenzione della persona è debole, la potenzia miliardi di volte così da facilitarne la realizzazione.
Se l’intenzione della persona è allineata con il suo progetto vita, è coerente con la sua verità ed in linea e rispetto con l’energia dell’universo, allora questa si realizzerà, semplicemente accadrà.
Provare gratitudine per ciò che abbiamo cambia automaticamente le nostre vibrazioni.
Il segreto è credere e avere fede che tutto ciò di cui abbiamo bisogno arriverà, magari non sarà ciò che aspettavamo, ma quello che arriverà sarà la cosa giusta e perfetta per noi.

Amit Goswami parla di onde di possibilità “ […] gli oggetti quantistici sono entità matematiche, onde di possibilità; la loro natura materiale (solidità, struttura, conformazione e così via) emerge soltanto al momento dell’interazione della coscienza con quelle onde, quando la coscienza fa collassare la possibilità scegliendo, osservando.”
Amit Goswami, (2013). Evoluzione creativa. Roma: Edizioni Mediterranee. 

BIOFEEDBACK E BIOCHIMICA
Un ruolo importante viene dato alle capacità di riserva dell’utente e alla sua capacità di superare i problemi. Nel corso del biofeedback, l’utilizzatore è un partecipante attivo della correzione e questo contribuisce all’attivazione delle riserve naturali insite nell’organismo. Una buona attività di autoregolazione (attitudine, propensione) apporta benessere, promuove l’autostima dato che potenzia le capacità, aumenta l’ottimismo e migliora l’adattabilità. L’attitudine propositiva alla vita porta a sua volta all’aumento delle emozioni positive, stimola i processi motivazionali e l’attività svolta diventa più produttiva. In definitiva, nel corso del biofeedback diminuisce la fissazione sulle proprie sofferenze, diminuiscono l’ipocondria e l’aggressività, aumenta la fiducia nelle proprie capacità, migliora l’umore e viene potenziata la capacità umana di resistere allo stress.

Le alterazioni nella regolazione dell’attività del sistema nervoso vegetativo, causate da uno stress forte e/o cronico, sono uno dei fattori più importanti nell’insorgenza di un ampio gruppo di disequilibri: disturbi psicosomatici, disturbi della regolazione, disturbi di adattamento.
Durante l’utilizzo del dispositivo in modalità biofeedback, si sviluppano reazioni fisiologiche e biochimiche opposte a quelle che si verificano in condizioni di stress: il ritmo alfa del cervello aumenta, il livello della pressione arteriosa diminuisce, il numero dei battiti cardiaci si riduce, la resistenza vascolare periferica e il consumo di ossigeno diminuiscono, l’attività elettrica dei muscoli, il livello di catecolamine, cortisolo, renina e colesterolo nel plasma sanguigno diminuiscono. Inoltre, si verifica un aumento dell’attività del sistema oppioide endogeno e una diminuzione della reattività vascolare.

NEOGEN – UNA NUOVA PROSPETTIVA
Per migliorare le potenzialità del dispositivo Neogen è importante riconoscere che il potere di cambiare le cose, crearle o realizzarle è dentro di noi.

La trasformazione è interiore e personale, nessun altro la realizzerà al nostro posto.  Assumersi la completa responsabilità di essere l’artefice della propria realtà è un atto di volontà che comporta un profondo “lavoro” di presa di coscienza di chi noi siamo.
La domanda che dobbiamo porci è: Chi sono io.

Neogen aiuta ad ampliare e potenziare il biocampo, campo di onde elettromagnetiche endogeno con la funzione di bioregolare l’organismo organizzando i processi biologici, ma anche inteso come campo informazionale cosciente di infinite possibilità dove ogni cosa può esistere come tendenza a manifestarsi. Tutto ciò a sua volta facente parte di un Campo unificato universale.

Il Prof. Gioacchino M. Pagliaro nel libro Intenzionalità di guarigione cita il fisico John Hagelin il quale asserisce la presenza di: “ un Campo unificato della coscienza in cui tutto è vibrazione e dove la materia è solo una sovrastruttura creata dalla coscienza individuale attraverso l’apparato sensoriale. Per Hagelin esiste una coscienza universale […] che attraversa ogni cosa e, mentre è cosciente di sé, genera un vasto processo di risonanza che si propaga attraverso vibrazioni che costituiranno le particelle e le forze presenti nell’universo”.
Gioacchino M. Pagliaro, (2021). Intenzionalità di guarigione. Torino: Edizioni Amrita

Non un “io” separato, individuale che noi stessi creiamo e nutriamo con l’ego, ma un “IO universale”, consapevole, indivisibile ed eterno.
Siamo l’Uno nel Tutto e nel Tutto è contenuta ogni parte di noi.

Il Prof. Federico Faggin scrive: “L’unica immagine e somiglianza di Uno che conosciamo siamo proprio noi. Se Uno è la totalità di ciò che esiste, sia realmente che potenzialmente, Uno è sia il creatore che la creazione e il beneficiario della propria creazione e del proprio divenire. E l’uomo è una delle innumerevoli prospettive coscienti attraverso cui Uno si conosce e si realizza.”
Federico Faggin, (2022). Irriducibile. Milano; Mondadori

Slider Item
Slider Item
Slider Item
Slider Item

Fig. 2

UTILIZZO DI NEOGEN
Sorgenti artificiali di emissione elettromagnetica come: televisori, impianti radiofonici, wi-fi, router, elettrodomestici, computer, smartphone sono dannosi per la nostra salute e potrebbero creare interferenza e influenzare l’operatività del dispositivo.

In entrambe le modalità si consiglia durante il trattamento di scegliere un luogo o un ambiente lontano il più possibile da fonti di emissione, lontano da condizionatori d’aria, ventilatori, articoli meccanici in movimento o rotazione, lontano da finestre aperte con tende sottoposte a spostamenti d’aria e lampade a fluorescenza.
Durante il trattamento con il dispositivo Neogen è necessario assicurarsi che nella stanza non siano presenti altre persone o animali.
Ne consegue l’importanza da parte dell’utente di concedersi un momento in totale presenza nel qui e ora, respirare e rilassarsi, entrare in uno spazio di non-mente.
Se non c’è la possibilità di ritagliarsi una breve pausa in solitudine, posizionare il dispositivo il più vicino a sé ricordando che nella modalità audio Neogen deve ascoltare solo la voce dell’utilizzatore scevra da rumori esterni.
Nella prima modalità, feedback elettromagnetico, posizionare il dispositivo ad una distanza non superiore a 50 cm dal corpo con il lato posteriore del dispositivo rivolto verso l’utente.
Nella seconda modalità, feedback audio, tenere Neogen con i palmi aperti rivolgendo il lato frontale del dispositivo verso l’utilizzatore. Fig.1
In alternativa posizionarlo su una superficie piana di fronte a sé con i palmi aperti dietro il dispositivo. Fig. 2
La durata del trattamento e la frequenza dell’utilizzo di Neogen nell’arco della giornata sono scelte individuali non dettate da regole fisse, ciascuno farà affidamento sulle proprie sensazioni percepite.

Si sconsiglia l’utilizzo di Neogen in portatori di impianti di pacemaker.

CARATTERISTICHE TECNICHE
Dimensioni 68 x 38 x 17mm. Peso 63 g

La densità spettrale di potenza del segnale non è superiore a -50 dB/MHz nell’ampiezza da 500 MHz a 130 GHz
Display luminoso OLED da 0,9”
Tastiera touch con feedback luminoso
Batteria interna LiPo con una capacità di 900 mAh
L’accumulatore garantisce un funzionamento continuo del dispositivo fino a 10 ore
Alimentazione di tensione 3,7 V
Adattatore CA da 5V con una corrente di almeno 500 mA con connettore USB (Caricabatteria non è incluso nel kit)

Il funzionamento di tutti i dispositivi Biomedis è autonomo e indipendente dalla rete internet. Per la tutela dei dati personali non si installano app su smartphone e non si collega, via bluetooth, il telefono al dispositivo.

NEOGEN IN PILLOLE

Il dispositivo Neogen è un ricetrasmettitore di campo elettromagnetico a banda ultra larga (UWB) di bassa intensità con caratteristiche tali da creare nell’organismo sottoposto alla sua azione una risonanza stocastica.
Il principio di funzionamento di NEOGEN si basa su una correzione endogena del corpo attraverso un feedback biologico.

NEOGEN DISPONE DI DUE MODALITA’ DI LAVORO

MODALITA’ 1 – Feedback elettromagnetico EM
Nella prima modalità il parametro fisiologico misurato è il campo elettromagnetico emesso dal dispositivo e riflesso dall’organismo. Lo scambio elettromagnetico tra l’organismo e il dispositivo instaura un dialogo informazionale esteso a tutto il corpo per il ripristino dello stato di salute.
Il segnale elettromagnetico emesso dal dispositivo è a banda ultra larga e nel passaggio attraverso i vari strati del corpo viene riflesso da organi, sistemi e cellule. Tale segnale riflesso conterrà tutti i parametri raccolti (ritmi dell’attività neuronale, della respirazione, della circolazione sanguigna..) prima di giungere nella sezione ricevente del dispositivo, dove verrà demodulato e riemesso giungerà al corpo.

MODALITA’ 2 – Feedback audio
Nella seconda modalità il parametro fisiologico misurato è la voce dell’utilizzatore.
L’apparato vocale è controllato del sistema nervoso centrale ed è influenzato dalle ghiandole endocrine.
I parametri (rapporto tra intensità, frequenze e fasi delle varie componenti dello spettro) del segnale vocale riflettono i ritmi di tutti i processi fisiologici che avvengono nell’organismo.
La voce attiva nel dispositivo Neogen l’emissione di un campo elettromagnetico che determina nel corpo ricevente una risonanza stocastica. Il segnale demodulato di ritorno al corpo riequilibrerà i parametri fisiologici.
Durante il trattamento in modalità audio si possono recitare preghiere, mantra, suoni o affermazioni positive e intenzioni.

In entrambe le modalità di lavoro l’obiettivo finale dipende dall’intenzione dell’utilizzatore.

EFFETTI E POTENZIALITA’ DEL DISPOSITIVO NEOGEN

Apporta benessere, stimola i processi motivazionali, migliora l’adattabilità, promuove l’autostima
Regola i meccanismi dell’omeostasi
Potenzia il sistema immunitario
Fornisce un rapido recupero energetico, fisico e mentale
Presiede i processi di riparazione e di rigenerazione cellulare
Ripristina le attività e le funzioni di tutti gli organi, visceri e sistemi del corpo
Equilibra il sistema nervoso e il sistema endocrino
Mantiene l’equilibrio tra gli emisferi
Migliora l’umore e diminuisce lo stress
Agisce sul livello psicosomatico riequilibrando lo stato emotivo ed emozionale
Neogen potenzia tutte le capacità dell’individuo e normalizza i parametri fisiologici.

UTILIZZO DI NEOGEN

Nella prima modalità, feedback elettromagnetico, posizionare il dispositivo ad una distanza non superiore a 50 cm dal corpo con il lato posteriore del dispositivo rivolto verso l’utente.
Nella seconda modalità, feedback audio, tenere Neogen con i palmi aperti rivolgendo il lato frontale del dispositivo verso l’utilizzatore.
In alternativa posizionarlo su una superficie piana di fronte a sé con i palmi aperti dietro il dispositivo.
La durata del trattamento e la frequenza dell’utilizzo di Neogen nell’arco della giornata sono scelte individuali non dettate da regole fisse.
Durante il trattamento con il dispositivo Neogen è necessario assicurarsi che nella stanza non siano presenti altre persone o animali.
In entrambe le modalità si consiglia durante il trattamento di scegliere un luogo o un ambiente lontano da televisori, impianti radiofonici, wi-fi, router, elettrodomestici, computer, smartphone; lontano da condizionatori d’aria, ventilatori, articoli meccanici in movimento o rotazione, lontano da finestre aperte con tende sottoposte a spostamenti d’aria e lampade a fluorescenza.

Si sconsiglia l’utilizzo di Neogen in portatori di impianti di pacemaker.

© RIPRODUZIONE VIETATA Scritto da Dott. Elisa Rossi, depositato e autenticato presso Studio Notarile. Vietata la riproduzione con finalità di concorrenza. Vietata copia, sottrazione e manipolazione del testo o parti di esso senza autorizzazione del titolare.

Entra in contatto con Noi

11 + 8 =